« Torna a Diario

Pagaiata in laguna e nei canali di Torcello

Per questa uscita abbiamo lasciato le tradizionali esperienza di acqua mossa e i fiumi per dedicarci ad un'uscita di stampo decisamente turistico, ma dal fascino ineguagliabile: l'unica laguna di Venezia!

Partiti dalla nostra sede verso le 9 di mattina carichi di barche e attrezzature (circa 30 partecipanti all'uscita) siamo arrivati al limitare della laguna approfittando dell'ospitalità del "Club Vecio Ristoro Lagunare": alle foci del Dese ha un piccolo imbarco da cui è possibile raggiungere agevolmente la laguna e puntare velocemente verso la parte nord orientale della laguna. La signora che segue il posto ci avvisa che sta arrivando la bassa marea e di seguire le bricole nel caso.

Meteo decisamente dalla nostra parte: sole e una leggera brezza che fa venir voglia di andar per acqua. Partiamo quindi diretti verso Torcello, percorrendo il tratto finale del Dese per poi ritorvarci in laguna: le bricole ci danno la direzione e, passando vicino a capanni di pesca e reti, piccoli approdi, di cui alcuni fatiscenti, ci avviciniamo alle isole, e il colpo d'cchio si fa sempre più suggestivo, con il campanile pendente di Torcello che si scorge in lontananza.

Man mano che ci avviciniamo all'isola, la presenza di barche a motore aumenta, fino a quando non entriamo nel canale che collega Torcello e Burano, dove il traffico aumenta decisamente. Alla fermata del vaporetto di Torcello entriamo nel canale che ci porta in centro all'isola e qui la suggestione è massima! Pagaiamo nello stretto canale con le barche ormeggiate e attraversato da ponti fino ad una scalinata di fronte al Floriani che ci permette finalmente di sbarcare dopo circa 2 ore di navigazione.

Tempo di rifocillarsi e fare un giro per la bella Torcello, foto di gruppo e pronti per reinbarcarci! A malincuore però, vista l'ora, il caldo e il traffico nel canale si è optato per tornare indietro invece di proseguire per Burano.
Il rientro è stato decisamente più lungo e faticoso dell'andata a causa della bassa marea: in molti punti l'acqua era talmente bassa che le barche, nonostante il pescaggio di pochi centimetri, toccavano il fondale o venivano lambite dalle aleghe.

Alle 16.30 siamo sbarcati al Vecio Ristoro Lagunare, caricato le attrezzature e brindato all'uscita che ha radunato un variegato, allegro e volenteroso gruppo di partecipanti!